Associazioni no Profit: il portale al servizio delle associazioni


Categorie

Come creare un'associazione

Alcuni link utili

Mappa associazioni

Consulenza contabile, fiscale e tributaria < Società di persone e nuovo regime opzionale di tassazione

Consulenza contabile, fiscale e tributaria

Rubrica a cura di Pietro Giulio Melis, Dottore Commercialista e Revisore Contabile

Legge Finanziaria 2008 – Società di persone e nuovo regime opzionale di tassazione

Per le società di persone e le imprese individuali la finanziaria per il 2008, L. 244/2007 (art. 1 co. da 40 a 42), ha previsto la possibilità di optare per una forma di tassazione alternativa a quella prevista dalle precedenti norme. La nuova forma di tassazione è opzionale e pertanto si aggiunge alla precedente modalità di tassazione per trasparenza.

La nuova modalità di tassazione opzionale prevede la tassazione separata dei redditi d'impresa e dei redditi da partecipazione in S.n.c. e S.a.s. con l'applicazione di un'aliquota pari al 27,5%, in luogo della tassazione progressiva ai fini IRPEF.

Pertanto in aggiunta al regime di tassazione per trasparenza da sempre vigente, che cioè prevede la tassazione in capo ai soci dei redditi di impresa ai fini imposte sui redditi, in funzione quindi dell’IRPEF, imposta sul reddito delle persone fisiche, imposta proporzionale a scaglioni, la Finanziaria introduce una tassazione ad aliquota unica, pari al 27,5%.

Pertanto in sostituzione del regime di tassazione ordinario che prevede la tassazione dei redditi a fini IRPEF secondo le aliquote seguenti:

Da Euro A Euro Aliquota
1° Scaglione - 15.000 23%
2° Scaglione 15.000 28.000 27%
3° Scaglione 28.000 55.000 38%
4° Scaglione 5.000 75.000 41%
5° Scaglione 75.000 43%

il contribuente può optare per una tassazione separata ad unica aliquota:

Da Euro A Euro Aliquota
Unico scaglione - 27,5%

Pertanto, per rendere chiaro la differenza tra i due principi di tassazione si consideri il seguente esempio:

- Società di persone S.n.c. con reddito di impresa tassabile per trasparenza pari a 75.000 Euro

- Partecipata da numero 2 soci, con quota di partecipazione agli utili pari al 50%

Tassazione per trasparenza (regime normale)   Tassazione separata (nuovo regime opzionale Finanziaria)
Utile S.n.c. 75.000   Utile S.n.c. 75.000
Socio A – 50% 37.500   Utile S.n.c. non distribuito 75.000
Socio B – 50% 37.500      
IRPEF - Socio A 10.570      
IRPEF - Socio B 10.570      
Totale tassazione 21.140   Tassazione separata 27,5% 20.625
Aliquota media tassazione 28,19%   Aliquota media tassazione 27,50%

L’inserimento di un regime di tassazione opzionale lascia ovviamente spazio a calcoli di convenienza fiscale in funzione delle singole situazioni reddituali.

Se da un lato la tassazione separata introdotta in Finanziaria garantisce il risparmio di imposta nel caso di elevati redditi di impresa, dall’altro tale sistema non permette la distribuzione, e quindi utilizzo, dei redditi se non attraverso forme di re-investimento all’interno della stessa attività. Pertanto da una prima analisi tale opzione sarà interessante per quelle società di persone in cui il re-investimento interno dei margini è prassi ordinaria.

L'opzione presuppone la tenuta della contabilità ordinaria. La tassazione è condizionata al fatto che i redditi prodotti non siano prelevati dai soci e si considera distribuita qualunque somma prelevata tratta dall'utile in corso di formazione, senza possibilità di prova contraria.

Il regime di tassazione separata illustrato si affianca al regime forfetario previsto per gli esercenti attività di impresa e per i professionisti, regime fiscale agevolato che prevede minor carico fiscale e semplificazioni contabili e fiscali, come illustrato all’interno dell’articolo pubblicato in questa rubrica "Legge Finanziaria 2008 – Immediata opzione per il regime agevolato attività di impresa e professionisti".

Normativa di riferimento

Legge finanziaria 2008 L. 244/2007 (art. 1 co. da 40 a 42)


Associazioni no profit® powered by E-Group S.r.l. - P.IVA 03461800280 - Informazioni della società - privacy